OGGETTO: Iperluoghi#1
Dal Dispaccio #14 del 29.11.2023
La Sala da Barba Genco frequentata dai “ragazzi” come Gianni Letta
VIVI NASCOSTO. ENTRA NEL NUCLEO OPERATIVO
Per leggere via mail il Dispaccio in formato PDF
Per ricevere a casa i libri in formato cartaceo della collana editoriale Dissipatio
Per partecipare di persona (o in streaming) agli incontri 'i martedì di Dissipatio'

Nei pressi di Piazza Navona, all’ombra della Chiesa di Sant’Antonio dei Portoghesi e ai piedi della Torre della Scimmia – di origine medievale e inglobata all’interno del cinquecentesco Palazzo Scapucci – si trova la Sala da Barba Genco. Roberto Polidori ha raccolto l’eredità di una tradizione storica tramandata da Silvano Rossi, e insieme ad Arnaldo Marini che da sempre pratica questo mestiere con grande tecnica, fondendo arte e creatività nei suoi tagli, ha dato vita a un iperluogo in cui accadono molte cose, si incrociano personaggi illustri. Soprattutto quando Roberto chiude il locale trasformandolo nel miglior cocktail bar di Roma – con i cocktail preparati rigorosamente dal maestro – riservato soltanto agli assidui frequentatori e agli amici (mentre di estate ci si sposta sulla terrazza “Le Farniente” nel palazzo accanto, ma questa è tutta un’altra storia che vi racconteremo più avanti). A proposito di personaggi illustri, di recente è stato avvistato Gianni Letta entrare da Genco per il solito taglio della barba. 

[Iperluoghi è una rubrica che appare sul “Dispaccio” nella quale Dissipatio scopre e racconta luoghi sparsi su tutta la Penisola, tra le nuvole e il sottosuolo, ben frequentati dai “ragazzi” e dalle “ragazze”].

Questo articolo è stato inserito nell’ultimo Dispaccio, una lettera confidenziale di 8 pagine in pdf riservata ai membri del nucleo operativo di Dissipatio con contenuti e informazioni esclusive e inedite. Sempre da stampare, maneggiare, e conservare con cura.

Per ricevere il Dispaccio entra nel nucleo operativo

I più letti

Per approfondire

I prigionieri dimenticati

Il destino dei prigionieri italiani che rimasero fedeli al fascismo anche dopo l'armistizio.

Padri che tornano

Gianfranco Fini è un ingranaggio del nuovo potere di Giorgia Meloni.

Il fratello diverso che non fu mai Re

La vita di Umberto Agnelli è stata un mix tra grandi intuizioni e aspettative deluse. In un clima da fine impero, Umberto Agnelli ebbe modo di dimostrare che la crisi della Fiat non fosse irreversibile e che, con il giusto compromesso tra esperienze manageriali e impegno degli azionisti, sarebbe stato possibile il rilancio di una grande casa automobilistica data per spacciata. Ma il suo arrivo al vertice coincise con la morte, che lo colse nella sua tenuta dopo appena diciotto mesi al Lingotto.

Cancellare Dante

Nel febbraio scorso, un docente di una scuola in provincia di Treviso ha esonerato due studenti musulmani dalla lettura di un passo controverso dell’Inferno di Dante, in cui Maometto e Alì sono raffigurati in modo cruento. La vicenda, resa pubblica solo a fine maggio, ha suscitato un ampio dibattito su integrazione e cultura, con opinioni discordanti tra intellettuali e politici sulla scelta di censurare un testo fondamentale della letteratura italiana al solo scopo di rispettare la sensibilità religiosa.

Una tendopoli nazionale

Da Bari a Milano, la protesta contro il caro-affitti riaccende l'attenzione sui problemi legati alla gentrificazione e al turismo non professionale.

Gruppo MAGOG