L'editoriale

Il Vaticano è una potenza di cielo

Papa Francesco, col suo viaggio in Iraq si è spinto laddove nessun altro poteva farlo. È la legittimità dell’autorità spirituale che consente a qualsiasi Vicario di Cristo di poter camminare liberamente sui fili elettrici della storia e del tempo, senza dover dare giustificazioni in questa terra ma solo a Dio.
VIVI NASCOSTO. ENTRA NEL NUCLEO OPERATIVO
Per leggere via mail il Dispaccio in formato PDF
Per ricevere a casa i libri in formato cartaceo della collana editoriale Dissipatio
Per partecipare di persona (o in streaming) agli incontri 'i martedì di Dissipatio'

L’ultima volta che un Papa si era spinto così a fondo nel cuore dell’Oriente, per spostare l’attenzione sulle comunità cristiane del Levante, era stato Giovanni Paolo II in un viaggio storico a Damasco. Correva il 2001 e Wojtyla si recava nelle terre sacre percorse prima di lui dall’apostolo Paolo. Accompagnato dal Gran Mufti di Siria Hamad Kiftaro, camminava nella grande Moschea degli Omayyadi, che oltre ad accogliere il Mashad al Hussein, un piccolo mausoleo che custodisce la testa dell’Imam Hussein, figlio di Ali e nipote del Profeta Maometto, mozzatagli dopo la sconfitta nella battaglia di Karbala, c’è ancora la cappella di San Giovanni Battista. Così Giovanni Paolo II disegnava un nuovo ordine prima del disordine mediorientale, che prima o poi sarebbe tornato, questa volta con Papa Francesco e il suo viaggio storico in Iraq, tra Baghdad, Erbil, Ur, Najaf e la Piana di Ninive.

Il Vaticano non è potenza di terra e di mare, ma di cielo. Può spingersi laddove nessun altro può farlo. È quell’autorità spirituale che consente a qualsiasi Vicario di Cristo di poter camminare liberamente sui fili elettrici della storia e del tempo, senza dover dare giustificazioni in terra, ma solo a Dio. In soli tre giorni Bergoglio ha ribaltato schemi geopolitici e confessionali secolari quanto sovversivi. A Ur, vicino a Nassirya, in quella che secondo la tradizione venne edificata la casa di Abramo, dopo che Dio chiese ad Abramo, il patriarca che unisce i destini di Ebrei, Cristiani e Musulmani, di lasciare la sua patria, ha invitato tutti leader religiosi a iniziare un nuovo cammino per l’intero Paese. Il messaggio, potentissimo, è duplice. Da un lato chiama l’Iraq, diviso dall’eredità dello Stato Islamico, dalle rivendicazioni curde e dalla parte meridionale a maggioranza sciita, all’unità nazionale, confessionale e territoriale, ma soprattutto riporta la figura di Abramo nella sua dimensione religiosa, distante da chi invece, con quel patto firmato da Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita, vuole oggi strumentalizzarlo per fini egemonici.

C’è poi la volontà di fermare un’emorragia, quella dei cristiani d’Oriente, e rivendicare il diritto a non emigrare di questi popoli, tornare nelle loro abitazioni, occupate per oltre due anni e mezzo da Daesh. Nel 2014 infatti, poco dopo lo storico discorso da Mosul di Al Baghdadi, i miliziani presero il controllo del Sinjar e della Piana di Ninive, nell’Iraq settentrionale, ancora caratterizzata da una grande varietà etnico-religiosa. Gli abitanti yazidi, popolo che adora il fuoco, subirono massacri mentre i cristiani, eredi dell’arcaica civiltà assira, furono espulsi, costretti a lasciare le loro abitazioni insieme a quei monasteri del sesto secolo scavati nelle rocce delle montagne. L’attenzione ricade finalmente sui numeri, che tornano ad essere uomini, donne, fedeli. Nel 1987 i cristiani d’Iraq erano un milione e 400 mila, cioè l’8 per cento della popolazione del Paese. Oggi sono appena l’1 per cento, circa un terzo sono profughi e vivono principalmente nei campi allestiti tra Erbil e Dohuk, in attesa di poter tornare nei villaggi di Qaraqosh, Karamleis, Bartella e Tilkeif.

Infine, l’incontro con l’Ayatollah Al Sistani, massima autorità religiosa sciita in Iraq, si dice con il passaporto anche iraniano. Fu proprio lui, nel giugno del 2014 a lanciare una fatwa, con la benedizione della Repubblica Islamica dell’Iran, nella quale chiamava tutti gli sciiti iracheni ad unirsi alla guerra di liberazione contro Daesh. In quei mesi nacque Hashd al Shaabi, un’unità di mobilitazione popolare di circa 200mila soldati inquadrata dal governo centrale di Baghdad che raggruppava i principali gruppi armati della regione tra cui la Brigata Bedir e Hebollah Ketibe, che parteciparono negli anni successivi a tutte le operazioni militari a Ramadi, Falluja, Tiqrit, Mosul e nella Piana di Ninive, insieme all’esercito iracheno. Con un’evoluzione rispetto al passato – sulla scia del modello libanese – e col fine non di uno “Stato nello Stato” di tipo confessionale, bensì l’unità dell’Iraq e la riconciliazione di tutte le sue comunità religiose. In pochi se lo ricorderanno, ma quando Donald Trump ordinò in Iraq nel gennaio del 2020 l’uccisione di Qassem Suleimani, capo iraniano delle forze al Qods, nel suo convoglio c’era anche anche Abu Mahdi al-Muhandis che allora era il vice-capo se non il capo, delle unità di mobilitazione popolare Hashd al Shaabi contro Daesh. L’incontro tra Papa Francesco e Al Sistani, preparato da anni dalla comunità di Sant’Egidio, come mi raccontò a Najaf nel 2018 il suo primo consigliere Ahmed Al Husseini, è storico anche per questo. Non solo eleva gli sciiti come interlocutori religiosi autorevoli e imprescindibili, ma soprattutto riconosce ai combattenti sciiti, dalla Siria all’Iran, dal Libano all’Iraq, di esser stati in prima linea nella lotta al terrorismo.


Stiamo creando una “cellula redazionale di media intelligence” che faccia ricerca e sviluppo, monitoraggio e produzione di contenuti, che sia strettamente collegata all’attualità profonda, che dialoghi in codice con attori più o meno istituzionali, che sia in grado di capire i retroscena e indicare gli scenari del futuro, in politica estera come in politica interna, fino a controllare la scacchiera informativa. Raccogliamo candidature su questo indirizzo postale scrivipernoi@lintellettualedissidente.it. Mandateci una mail con le seguenti informazioni: 1) CV allegato 2) Un commento all’articolo che trovate sul sito intitolato “Il linguaggio del potere” 3) La vostra rassegna stampa quotidiana nazionale ed internazionale 4) Le vostre letture sul tema del “linguaggio del potere” 5) Un contatto telefonico. Sarà nostra cura rispondervi personalmente, ed eventualmente ricontattarvi.

I più letti

Per approfondire

Le radici ideologiche del Ba’ath siriano

Oltre alla consapevolezza di essere stati vittime di una volgare aggressione imperialistica (basti pensare all'attuale saccheggio nordamericano del petrolio siriano), c'è un ulteriore motivo che ha unito il popolo del Paese levantino nello sforzo di resistenza: l'idea, mai del tutto sopita, della resurrezione araba.

Iran Air 655

3 luglio 1988. Quella volta in cui furono gli Stati Uniti, con un incrociatore, ad abbattere per sbaglio un aereo iraniano (scambiato per un F-14) con 290 persone a bordo, tutte morte. Nessuno chiese mai scusa.

Il teorema Elon Musk

Tecnica del colpo di Stato nella Silicon Valley.

Il naufragio della diplomazia celeste

Fu nel periodo fra le due guerre mondiali che la Santa Sede fece gli sforzi più importanti per instaurare rapporti diplomatici con l'allora Repubblica Cinese. Pio XI, Pio XII e il Mons. Celso Costantini videro naufragare i loro piani, sommersi da crescenti tensioni asiatiche e da una rivoluzione che avrebbe sconvolto la Cina e il resto del continente.

Convulsioni imperiali

Gli Stati Uniti sono nel bel mezzo di una guerra interna, tra centri di potere che vogliono imporre la loro visione del mondo e coinvolgono a forza l'intero sistema; una lotta che si trascina da anni e vede contrapposti l'entourage di Donald Trump e i neocon più conservatori: due fazioni che lottano per la sopravvivenza e mescolano pericolosamente la politica interna a quella globale.

Gruppo MAGOG