La guerra per finta di Macron

Dietrofront francese sulla guerra in Ucraina: dopo due anni di tira e molla, l’Eliseo starebbe valutando l’invio di truppe sul campo. Ma la vera battaglia Macron la prepara in Europa, per battere Le Pen alle consultazioni di giugno, restituire alla Marianna il prestigio perduto con le ultime débâcles africane, e avvantaggiarsi in vista della lotta per controllare la nuova UE.

Considerazioni sparse sulla République

Senza più ideali "da universalizzare", la teologia politica francese si ritrova sterile, mentre il suo Stato annaspa ricercando nuovi miti.

Non c’è spazio per l’Europa di Macron

Il numero uno dell’Eliseo torna con forza sul tema dell’autonomia strategica (e politica) europea dagli Stati Uniti. Ma il Vecchio Continente, stremato e diviso dalla guerra in Ucraina, non ne vuole sapere di seguirlo.

Il gusto di odiare

La politica francese si basa su logiche di potere secolari, e le città messe a ferro e fuoco in queste settimane servono a ricordarlo.

Il fattore Mélenchon

Come già altre volte in passato, il leader de La France Insoumise sta cercando di prendere la testa dei tumulti nazionali, cavalcando l'odio anti-Macron.

Il patriota Macron

Vladimir Putin spinge Macron verso la riconferma. Permettendogli di ottenere centralità a poche settimane dalle elezioni presidenziali.

La dottrina Macron alla prova della storia

La visione di Macron per un'Europa autonoma e sovrana alla prova del mondo inquieto dopo la pandemia e la guerra in Ucraina.

La battaglia per la riforma fiscale dell’Europa

Agli osservatori più attenti non sfuggirà l’improvviso cambio di rotta di Francesco Giavazzi, consigliere di Mario Draghi, sulle politiche economiche.

Emmanuel Macron tra realtà e realpolitik

Perché la battaglia di Macron per un'Europa estesa da Lisbona a Vladivostok è la battaglia di tutti gli europei: collaborare con Mosca è l'unico modo che l'Unione Europea ha per riacquistare autonomia e grandezza nell'arena internazionale.

Nella mente di Macron

La visione del mondo di Parigi è senz'altro una delle più ricche e affascinanti, ma è anche quella che ha prodotto più vittime insieme a quella statunitense.