Stato nello Stato

La docuserie su Netflix mette in discussione Vincenzo Muccioli e San Patrignano. Idolatri e detrattori sbagliano entrambi. Il problema è immaginare uno Stato alternativo
La docuserie su Netflix mette in discussione Vincenzo Muccioli e San Patrignano. Idolatri e detrattori sbagliano entrambi. Il problema è immaginare uno Stato alternativo

È interessante il dibattito che sta deflagrando sulla docuserie di Netflix “SanPa: Luci e Tenebre di San Patrignano”, incentrata sulla controversa figura di Vincenzo Muccioli e che per questo finisce la sua narrazione nel 1995, con la morte del fondatore del più grande centro di riabilitazione per tossicodipendenti d’Europa. Con un piano di lettura molto semplice: innocentisti e colpevolisti, oggi come allora.

Tra i colpevolisti cito due penne che stimo. Giorgio Cappozzo: “Muccioli ha fatto anche cose buone. Come ogni fascismo… era guidato da un’idea: i problemi si risolvono con la forza. Se sei incapace di intendere e di volere l’unico modo per riportarti a galla è toglierti la libertà”. Mentre Francesco Cancellato aggiunge: “Al netto delle catene, dei tossici chiusi in cassaforte, dei malati di Aids a cui veniva comunicato solo quando voleva lui, dei pestaggi e degli omicidi, del potere di decidere se e quando due ospiti della comunità potessero fidanzarsi o sposarsi e di un impero economico fondato sul lavoro gratuito di persone a cui non era concesso di rifiutarsi di lavorare o di lasciare la comunità, ciò che mi stupisce della parabola di Vincenzo Muccioli… è che l’Italia sia stato e sia ancora un Paese che, a maggioranza, lo colloca nel girone dei suoi eroi”.

Difatti per gli innocentisti – e per quelli che lo vedono eroe – il fine giustifica i mezzi e il documentario risulta troppo di parte. Con la dissociazione della Comunità di San Patrignano, che lo reputa “un racconto che si basa sulle dichiarazioni di ‘detrattori’” e che mette a rischio quello che Sanpa è oggi, con i mille ospiti e il business milionario del suo indotto e con diversi ex ospiti che ne hanno preso le difese, come Piero Villaggio, figlio del comico Paolo, che dei tre anni passati a Sanpa dice: “Amavo e odiavo Muccioli. Ha commesso errori, ma aveva ragione”.

Per quanto mi riguarda, attraverso le cinque puntate della serie ben diretta da Cosima Spender e prodotta da Gianluca Neri, un’opinione è possibile farsela. Con qualche considerazione. Dispiace, per esempio, che Letizia Moratti – con la famiglia del marito che in Sanpa ci ha messo oltre 300 milioni di euro – abbia detto la sua tardivamente. Al contrario, ha avuto il coraggio di metterci la faccia Andrea Muccioli, figlio del fondatore e suo successore per sedici anni, fino al 2011, quando i Moratti gli hanno tolto il comando (pare per dissidi sui conti economici). E sempre in merito al docufilm, trovo che la trama assurga a un livello superiore grazie ai tre veri protagonisti del filo narrativo. Per la “difesa” di Muccioli c’è Antonio Boschini, storico responsabile terapeutico di Sanpa. Per l’“accusa” abbiamo Walter Delogu, ex autista e guardia del corpo di Muccioli (nonché padre dell’Andrea conduttrice tv, nata e cresciuta a Sanpa). E Fabio Cantelli Anibaldi, responsabile dell’ufficio stampa di Sanpa fino al ’95. Tutti e tre entrati in Comunità a causa delle loro dipendenze e tutti e tre, con visioni diverse, splendidi ambasciatori di una profonda umanità – humanitas suona ancora meglio – che arriva con forza allo spettatore.

Detto che la docuserie è da vedere, mi piace l’idea che Netflix abbia scoperto l’humus riminese che ha consentito la nascita di Sanpa e dieci anni prima anche dell’Isola delle Rose, l’“incredibile storia” da poco sulla stessa piattaforma streaming. Non è un caso. Il territorio di Rimini è stato – e forse, attraverso la sua attuale rinascita, potrebbe anche tornare a esserlo – uno dei pochi luoghi d’Italia dove tra gli anni Sessanta e i Novanta si potevano ancora immaginare, realizzandoli, nuovi mondi, come vanno inquadrati la micro-nazione dell’ingegnere Rosa e la mega-comunità di Muccioli, che avevano di fatto l’utopica visione di essere Stato nello Stato. E purtroppo, nello stesso lasso di tempo, tra strategia della tensione e stragi di varia origine, per dilettantismo, incuria o indifferenza dei suoi vertici o di parti di esso, deviati, con le sue decisioni, indecisioni o depistaggi, è proprio lo Stato Italiano che di regole ne ha rispettate ben poche, forse ancora meno dell’“eroe” Muccioli.

SOSTIENICI !

Tutti i giorni, la nostra sveglia di redazione suona alle 6 del mattino. Dalla primissima alba ascoltiamo la radio, e nel mentre passiamo in rassegna tutte le testate tradizionali e non, nazionali e straniere, dalle riviste ai quotidiani ai siti internet di nicchia. Dopo aver fatto una "cernita", cioè individuato l'1 per cento delle notizie (il restante 99 è letteralmente "cartastraccia") che si pesano come l’oro, che sparigliano, orientano, decidono il corso del dibattito profondo, produciamo un report interno. Successivamente ci riuniamo in presenza o virtualmente per condividere pubblicazioni, visioni, informazioni confidenziali, elaboriamo un timone sui temi da affrontare, per fornirti analisi, scenari, approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo richiede molto tempo, nella ricerca come nello sviluppo. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, siamo qui, pronti ad unire tutti i puntini.
Sostieni

I più letti

Gruppo MAGOG

Per approfondire

Squid Game per bambini
inEvidenza

Squid Game per bambini

Claudio Chianese
03 Novembre 2021
Le due facce di Hollywood
Non categorizzato

Le due facce di Hollywood

Alvise Pozzi
22 Giugno 2020
L’epoca dei masochisti
inEvidenza

L’epoca dei masochisti

Alvise Pozzi
23 Ottobre 2021