OGGETTO: In Russia febbraio è un mese di morte
DATA: 17 Febbraio 2024
SEZIONE: Geopolitica
AREA: Russia
Nello SHIZO in cui era recluso - una minuscola cella d'isolamento punitivo - Alexei Navalny è morto da martire, rovinando qualsiasi messaggio che Vladimir Putin voleva trasmettere nel corso delle due ore d'intervista con Tucker Carlson. È rimasta così solo la morte nelle "profondità dei minerali siberiani", prendendo a prestito le parole di Pushkin, e il mistero sulle circostanze ad essa legate.
VIVI NASCOSTO. ENTRA NEL NUCLEO OPERATIVO
Per leggere via mail il Dispaccio in formato PDF
Per ricevere a casa i libri in formato cartaceo della collana editoriale Dissipatio
Per partecipare di persona (o in streaming) agli incontri 'i martedì di Dissipatio'

Febbraio è sempre stato un mese di morte per la Russia. Il 27 febbraio 2015, Boris Nemtsov, una delle figure più importanti nella storia della Russia moderna, fu assassinato. La guerra tra Russia e Ucraina compirà presto il secondo anniversario, iniziata il 24 febbraio. Alexei Navalny è morto il 16 febbraio 2024. Febbraio è un mese freddo, con notizie da brivido che devono essere ancora una volta sopportate.

L’unica ipotesi nota al momento è che Navalny sia morto a causa di un coagulo di sangue. Forse come conseguenza dell’assunzione del veleno novichok. Forse come conseguenza di torture. O forse ancora, e questo è lo scenario più assurdo, dopo un intervento esterno, di un Paese che per qualche motivo può trarne vantaggio: questa versione è l’idea di Anton Krasovsky, un ex dipendente di RT. L’unica cosa chiara è che si tratta del 27esimo caso simile avvenuto in uno SHIZO, ovvero una cella di isolamento punitivo: un luogo dove vengono mandati i detenuti peggiori. Uno SHIZO è un luogo senza luce, senza finestre, dove ci sono solo un letto e un lavandino, e il cibo è ancora peggiore che in tutto il resto del carcere. Per tre anni Navalny è stato un ospite regolare di questo luogo, che potrebbe distruggere ogni persona, non solo quella che è stata avvelenata ormai tre anni fa. Vale la pena ricordare le parole di Woland (Satana), uno dei personaggi del romanzo “Il Maestro e Margherita”, scritto da Mikhail Bulgakov: “L’uomo è mortale, ma questa è solo la metà del problema. La cosa brutta è che a volte è improvvisamente mortale”. E ora questa repentinità sta sconvolgendo di nuovo tutti, anche in considerazione della consapevolezza della disperazione e del destino di Alexei Navalny.

L’ultima apparizione pubblica di Navalny è stata il giorno prima della sua morte, il 15 febbraio. Era in TV come sempre e ha parlato in tribunale tramite un collegamento video. In modo gioviale e scherzoso, ha chiesto al giudice federale, che percepisce un cospicuo stipendio, di inviare del denaro sul suo conto, perché presto si sarebbe esaurito. Ciò perché Navalny era stato dichiarato terrorista. A questa richiesta umoristica di Navalny, il giudice e il pubblico ministero, rendendosi conto dell’assurdità della situazione, si sono messi a ridere.

Senza dubbio si può dire che la moglie e i figli di Alexei siano i più vulnerabili in questo momento. Non è noto come si sentano i suoi collaboratori, che hanno perso tutto il capitale politico accumulato da Alexei per tanto tempo. Chissà come si sente Leonid Volkov, che in uno dei suoi libri scriveva che “quando ha chiesto ad Alexei di tornare in Russia, era sicuro sarebbe stato imprigionato”. Si può immaginare che per un uomo che ha mandato il suo compagno al martirio debba essere vergognoso, anche se, d’altra parte, è pur vero che possa continuare a sperare in varie sovvenzioni e donazioni finanziarie da parte dei Paesi occidentali.

Vale anche la pena ricordare che lo stesso Alexei Navalny non era esattamente un santo. Navalny è stato colui che ha presentato una denuncia alla polizia contro il nazionalista russo Maxim Martsinkevich, condannato per la prima volta sulla base della denuncia di Navalny. È stato condannato in base all’Articolo 282 del Codice Penale russo per “incitamento all’odio o all’inimicizia, nonché all’umiliazione della dignità umana”. Martsinkevich fu poi assassinato in prigione dopo molte torture raccapriccianti. Navalny non ha sempre trovato un terreno comune con altri oppositori, tra cui Boris Nemtsov, anche lui finito assassinato.

Se l’assassinio è stato ordinato dal governo russo, questo governo ha scelto il momento più sfortunato per farlo. Il momento in cui gli Stati Uniti stanno decidendo se stanziare altri sessanta miliardi di dollari per l’Ucraina. È bene anche ricordare che appena una settimana fa c’è stata una sfortunata intervista a Vladimir Putin di Tucker Carlson. Molti osservatori occidentali sono rimasti sorpresi dal fatto che Putin potesse parlare ininterrottamente di storia per trenta minuti. Allo stesso tempo, il target fedele a Putin in Occidente si aspettava che egli si scagliasse molto più duramente contro l’immigrazione incontrollata e le varie minoranze. L’intera ottica della morte di Alexei Navalny rovina così tutto ciò che Putin voleva trasmettere in due ore di conversazione con Carlson: è rimasta solo la morte nelle “profondità dei minerali siberiani”, prendendo a prestito le parole di Pushkin.

Roma, Febbraio 2024. XIV Martedì di Dissipatio

Non molto tempo fa, l’interprete musicale propagandista, che negli ultimi 2 anni è stato il musicista principale del Paese – Shaman – ha pubblicato una nuova composizione, Vivo. Shaman canta:

“Il cielo freddo
E il cuore nel mio petto in pezzi
Non hai creduto nella paura
E hai cercato la verità nonostante questo
Asciugando il sangue
Tutta la tua anima attraverso il dolore
Sei un guerriero della luce
Che è rimasto vivo”

Questa canzone è stata immediatamente collegata al destino di Navalny e in molti hanno cominciato a considerare Shaman come un oppositore per via di un possibile messaggio nascosto nel testo. Ciò che ha rovinato Alexei è stato soprattutto l’eroismo e l’altruismo, la dedizione e il vero coraggio. Purtroppo, non è riuscito a ripetere l’impresa di Nelson Mandela, che ha scontato 20 anni e poi è uscito e ha vissuto altri 23 anni. Alexei è morto da martire, non da prigioniero in una fredda cella.

I più letti

Per approfondire

Da Parigi a Vladivostok

Il presidente francese sta guidando il fronte filorusso d'Europa dopo anni di stallo e gelo, nonostante l'opposizione di altri paesi e la guerra sotterranea con gli Stati Uniti.

Martiri e leggende

Qassem Suleimani non era soltanto considerato un soldato di altissimo profilo bensì un'icona popolare e ora, nell'immaginario sciita, siede accanto all'Imam Hussein, da martire.

La Cina nasce dalla canna del fucile

Se nella storia cinese ricorre sovente la paura del mondo esterno, lo stesso potrebbe dire quest'ultimo nei confronti della Cina. Ecco perché un compendio degli studi dell'ex ambasciatore d'Italia a Pechino, Alberto Bradanini, rappresenta un ottimo punto di partenza per capire da dove viene e dove andrà il Paese di Mao, Deng e Xi.

Solo Assad può salvare Erdogan

Il presidente turco, sempre più isolato sul piano internazionale e sempre più vicino ad essere inserito nella black list occidentale, di questo passo, rischia di suicidarsi nell'ultimo santuario di Al Qaeda in Siria. Ora gli resta solo un modo per sopravvivere politicamente: rispettare gli accordi di Astana e fare pace con Assad.

Il volto del nemico

Dal tipico eroismo in salsa hollywoodiana ad un pessimismo tutto nordeuropeo la minaccia geopolitica proveniente da Est è tornata protagonista dell’intrattenimento occidentale.

Gruppo MAGOG