Il Salvini che è in noi

In Italia non si fa più politica. Siamo arrivati al punto in cui le uniche due personalità degne di attenzione sono Giuseppe Conte e il leader della Lega; l'uno tecnico dell'amministrazione, l'altro tecnico del consenso. Chiunque tu sia, imprenditore, operaio, cattolico indignato, deluso cronico o evasore incallito: Salvini è d’accordo con te.
In Italia non si fa più politica. Siamo arrivati al punto in cui le uniche due personalità degne di attenzione sono Giuseppe Conte e il leader della Lega; l'uno tecnico dell'amministrazione, l'altro tecnico del consenso. Chiunque tu sia, imprenditore, operaio, cattolico indignato, deluso cronico o evasore incallito: Salvini è d’accordo con te.

Immaginate che qualcuno sia d’accordo con Margaret Thatcher e poi, nemmeno una settimana dopo, si dichiari erede di Enrico Berlinguer.  La prima reazione sarebbe suggerirgli uno psichiatra o un corso intensivo di storia del Novecento, a seconda che si voglia attribuire la cosa a sdoppiamento della personalità o ignoranza. Se, però, quel qualcuno è Matteo Salvini tutto appare perfettamente coerente. Salvini può permettersi di dirlo in ragione del merito di aver capito, prima e meglio degli altri, come ticchettano gli ingranaggi di una società post-ideologica. Ancora meglio dei Cinque Stelle: il Movimento ha annunciato la morte di destra e sinistra, ma ha subito sostituito la dicotomia con altre contrapposizioni – quella fra malaffare e onestà, o fra vecchio e nuovo. Salvini, invece, si rende conto che non è sparita solo la struttura formale che ingabbiava le idee, sono sparite proprio le idee. È dal basso che la tarda modernità ha distrutto la politica, rosicchiandone le fondamenta di significato. Salvini non mente: nel suo mondo, che purtroppo è anche il nostro, davvero non c’è contraddizione fra Berlinguer e la Thatcher, così come non c’è contraddizione fra i selfie coi gattini e quelli scattati alla sagra della porchetta, fra elogiare la famiglia tradizionale e averne due o tre, di famiglie, non tradizionali. Come, del resto, non c’è contraddizione fra essere di sinistra e abolire l’articolo 18, o essere liberali e inanellare leggi liberticide

Il PD conserva un vacuo residuo ideologico, come il trucco rimasto sul volto di un pagliaccio a fine carriera: suscita, forse, più tristezza che rabbia sentirli rivendicare la Resistenza e il PCI. Una trappola che Matteo evita con la sua allegra strafottenza, recidendo qualsiasi legame storico e presentando al pubblico un eterno presente. Marcello Veneziani scrive, commentando gli ultimi fatti salviniani, un articolo formalmente impeccabile, ma sbagliato nelle premesse: è ingenuo attribuire all’elettore della Lega un profilo, quando la fluidità è proprio la cifra della grande crescita del partito. Ed è ingenuo pensare che Salvini abbia bisogno di inserirsi in una qualsiasi continuità, che sia quella di Almirante o di Berlusconi. Perché Salvini è tarato perfettamente per l’attention span del nostro tempo: una settimana scarsa per dimenticarsi il tweet di prima.

C’è un elemento che Veneziani, forse per eccesso di ottimismo, non sembra cogliere: per funzionare, oggi, un politico non può permettersi le idee. Deve parlare fuori contesto, senza premesse, senza corollari, nella consapevolezza che non ci saranno conseguenze. Più che a tutti, deve parlare a ciascuno. E, in effetti, lo slogan prima gli italiani può essere declinato in prima tu: chiunque tu sia, imprenditore, operaio, cattolico indignato, deluso cronico o evasore incallito, Salvini è d’accordo con te. Ed è curioso che il grande avversario del leader leghista, Giuseppe Conte, sia ugualmente non pervenuto sul piano delle grandi questioni. Difficile dire cosa pensi Conte: è la quintessenza del tecnico, uno che prova ad aggiustare le cose così come vengono, si fa merito di aver salvato il salvabile. Fra la sua politica e quella delle idee c’è lo stesso vaghissimo legame che passa fra un bagnino ed Hemingway: il secondo ha scritto un romanzo che aveva a che fare col mare. Salvini, da parte sua, è un tecnico non dell’amministrazione, ma del consenso, e i suoi strumenti sono le invettive contro l’Europa, dalla quale non vuole comunque uscire, e contro i migranti, per i quali non ha nessuna soluzione. Entrambi, Conte e Salvini, hanno abdicato alle idee per necessità, più che per incapacità: le idee rischierebbero, con la loro solidità semantica, di inceppare meccanismi che devono mantenersi fluidi.

Ancora più curioso è che Salvini passi per fascista, quando incarna proprio l’apatia e la medietà. E sì che la definizione potremmo anche utilizzarla, ma non certo nel senso letterale, storiografico – e stupido – inteso dai detrattori. Potremmo utilizzarla se si ammettesse che, di questi tempi, siamo tutti fascisti. Nel senso di Pavese, con la voce del protagonista de “La casa in collina”: “chi lascia fare e s’accontenta, è già un fascista”. Nonostante la frammentazione del pensiero politico in mille direzioni e l’emergere di nuovi discorsi – ecologici, di genere – la misura di quest’epoca è la mediocrità. L’intreccio fra media e pressioni sociali produce pacchetti di pensiero prêt-à-porter che valgono come tessere di questo o quell’altro club, servono a non sentirsi soli fuori, fra la gente, e a non sentirsi soli dentro, nel vuoto della testa. Se poi il pensiero si scolorisce, rimangono concetti generici; cose come “libertà”, “tolleranza”, “odio”, “giustizia”, “discriminazione”, da combinare a piacere. Che ne emergano obbrobri come Salvini epigono di Berlinguer, oppure le femministe sex positive pro-bordelli è, in fondo, lo stesso fenomeno. Per dirla con Brecht, i posti dalla parte della ragione sono tutti occupati, e prenotati per mesi come un ristorante gourmet. E il nostro Matteo è un artista dell’aver ragione, anche quando ha torto.

La sua inclusività ideologica scorre parallela a quella ontologica dei liberal: entrambi segnali di indifferenza, “aridità, deserto, nessuna fede”. Quando persino Selvaggia Lucarelli scopre l’acqua calda, ovvero che la strategia comunicativa salviniana funziona, con qualche insignificante aggiustamento di registro, anche a sinistra, bisognerà ammettere che ci è toccato in sorte un pessimo Zeitgeist, e questo è tutto. Conferma finale della pessima fede di quanti, giornalisti e influencer assortiti, fanno di mestiere gli sparring partner di Salvini: il problema non è il Salvini in sé, ma il Salvini dentro di me.

SOSTIENICI !

Tutti i giorni, la nostra sveglia di redazione suona alle 6 del mattino. Dalla primissima alba ascoltiamo la radio, e nel mentre passiamo in rassegna tutte le testate tradizionali e non, nazionali e straniere, dalle riviste ai quotidiani ai siti internet di nicchia. Dopo aver fatto una "cernita", cioè individuato l'1 per cento delle notizie (il restante 99 è letteralmente "cartastraccia") che si pesano come l’oro, che sparigliano, orientano, decidono il corso del dibattito profondo, produciamo un report interno. Successivamente ci riuniamo in presenza o virtualmente per condividere pubblicazioni, visioni, informazioni confidenziali, elaboriamo un timone sui temi da affrontare, per fornirti analisi, scenari, approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo richiede molto tempo, nella ricerca come nello sviluppo. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, siamo qui, pronti ad unire tutti i puntini.
Sostieni

Gruppo MAGOG

Per approfondire

The Old Pope
Editoriale

The Old Pope

Sebastiano Caputo
03 Febbraio 2021
Mario Draghi, la “finestra americana” e i Cinque Occidenti
Editoriale

Mario Draghi, la “finestra americana” e i Cinque Occidenti

Sebastiano Caputo
06 Febbraio 2021
Il ritorno della mano visibile
Economia

Il ritorno della mano visibile

Alessandro Bonetti
26 Dicembre 2019
Il sogno proibito di una proxy war
Editoriale

Il sogno proibito di una proxy war

Sebastiano Caputo
27 Maggio 2020
“Cosa succederà se nessuna di queste grandi coalizioni riuscirà a ottenere la maggioranza del Parlamento?” Lo scenario di Giuseppe Alberto Falci