Il Grande Fratello è la più grande scuola politica

In difesa (spericolata) di Rocco Casalino.

Rocco Casalino è finito sulla copertina dell’ultimo numero di Panorama con gli abiti del Re Sole. “Viceré” è il soprannome che gli è stato dato dal direttore Maurizio Belpietro. “Molto più di un addetto stampa, è consigliere e spin doctor di Giuseppe Conte, l’uomo nell’ombra, un piccolo cardinal Richelieu (o anche un Leibniz, aggiungiamo noi)” scrive nel suo editoriale. E poi via con il florilegio delle “casalinate”, dalla recente condivisione della sua posizione in Libia durante la liberazione dei 18 pescatori di Mazara del Vallo fino alla letterina di Natale del piccolo Tommaso Z. di Cesano Maderno (“Caro presidente Conte, sono preoccupato per Babbo Natale e volevo chiederle se può fare un’autocertificazione speciale per consentirgli di consegnare doni a tutti i bambini del mondo”). Un modus operandi intriso di mitomania, divertissement, sfrontataggine e sentimento di onnipotenza, che si traduce plasticamente nel famoso video in cui Rocco Casalino “telecomanda” Enrico Mentana, in diretta, tramite un messaggio su Whatsapp in cui dà in anteprima la notizia del possibile accordo politico tra Movimento 5 Stelle e Lega. Ma c’è un passaggio ancora più interessante nell’articolo del direttore di Panorama, che poi è l’accusa più frequente dei detrattori di Rocco Casalino: “Nessuno crede più che l’ingegnere di Ceglie Messapica (Brindisi) cresciuto alla scuola del Grande Fratello sia solo l’addetto stampa messo da Luigi Di Maio alle costole del capo del governo per controllarlo. Oggi Casalino è molto di più, è un sottosegretario alla Presidenza senza essere passato dalle elezioni, senza titoli né giuramenti sulla Costituzione”. Ciò che scrive Belpietro è vero, il problema è la bassa considerazione che la classe intellettuale ha del Grande Fratello, il format televisivo più geniale degli ultimi decenni.

La copertina di Panorama

“Mettere in gabbia” una quindicina di persone e spiarle per mesi, 24 ore su 24, è il miglior esperimento mai condotto sul piccolo schermo. Trash lo è diventato con l’edizione Vip, perché inizialmente il GF, fu pensato sulla base della “teoria dei giochi”, una disciplina della matematica applicata che studia e analizza le decisioni individuali di un soggetto in situazioni di conflitto o interazione strategica con altri soggetti rivali. Non a caso il più famoso studioso a essersi occupato di questa teoria fu il matematico John Forbes Nash Jr, lettore spasmodico de Il Principe di Machiavelli:  

«Nelle pagine di quel capolavoro si ha l’impressione che Machiavelli cerchi di insegnare a dei mafiosi come operare in modo efficiente e spregiudicato. Fornisce consigli tattici a principi crudeli ed egoisti, e nella sua opera descrive effettivamente i “giochi di corte” che venivano praticati nelle stanze vaticane e nei palazzi fiorentini»

John Forbes Nash Jr.

Il Grande Fratello dunque è la trasposizione dei più intelligenti e complessi giochi da tavola in circolazione su scala televisiva. Tra questi occorre menzionare il più grande di tutti: Diplomacy (all’epoca intitolato The Game of Realpolitik). Certificato persino da Henry Kissinger, il più celebre consigliere per la Sicurezza Nazionale e Segretario di Sato degli Stati Uniti d’America, che lo definì “il suo preferito” in un’intervista rilasciata nel maggio del 1973 sulla rivista Games&Puzzles. “Un gioco di intrigo internazionale, fiducia, e tradimento” ideato nel 1954 da Allan Brian Calhamer, allora giovane studente di Harvard, dove contano le negoziazioni e l’abilità tra e dei partecipanti, un gioco fisico, dove si seduce, si persuade, si tradisce, dove non c’è nessun elemento di fortuna. Niente carte, niente dadi. Un gioco a somma zero (un solo vincitore), soggetto “all’ottimo paretiano”. Esattamente come il Grande Fratello. L’audience è solo la conseguenza di un format televisivo geniale, che si ispira appunto e a suo modo a Diplomacy. Per vincere il montepremi occorre mettere sul tavolo strategia e tattica, branche dell’arte militare, due elementi complementari e contigui perché condividono principi generali.

Immagine di copertina di un articolo di Foreign Policy

L’equivoco, il tradimento, nasce in tre diversi momenti. Prima quando gli autori sbagliano nella selezione dei concorrenti, personaggi il più delle volte modestissimi e ignoranti, che intravedono la carriera dopo l’uscita indipendentemente dalla vittoria, e quindi fanno di tutto per apparire “veri”, fregandosene dei cattivi sentimenti, necessari per portare a casa il bottino e applicare “l’ottimo paretiano”. Poi quando il programma diventa melenso, melodrammatico, strappalacrime, sentimentale, moralista, in cui gli autori censurano, ammoniscono, espellono concorrenti per un gesto o una parola leggermente sopra le righe, castrando qualsiasi dinamica realmente conflittuale o meramente strategica. Infine quando il GF diventa Vip, ovvero un trampolino di lancio o di rilancio per morti fama e di fame, dove i formalismi prevalgono sull’istinto, a meno che non sia una banalissima storia d’amore.

Ci fu un’edizione, la decima, che mandò in cortocircuito l’equivoco e svelò il tradimento di questa casa-laboratorio, riportandola alle sue origini: il gioco da tavola per eccellenza su scala televisiva. Quell’anno, Mauro Marin, un salumiere veneto, mandò in tilt il programma, nemmeno troppo inconsapevolmente, vincendo in finale con l’80 per cento dei voti, a dimostrazione che il pubblico vuole giocatori che seguono una strategia precisa e mutano la tattica a seconda delle dinamiche. Mauro Marin, un vero caso mediatico (e social prima ancora che i social diventassero quello che sono oggi), invece di cercare di relazionarsi forzatamente con tutti, di apparire vero, ha letteralmente studiato il terreno, per giocare e basta, sfruttando le debolezze dei suoi avversari, dissacrando personaggi carismatici, in realtà grotteschi (Massimo, George, Veronica, Maicol), guardando direttamente le telecamere in modo ammiccante, furbo e sornione. Uscito trionfatore assoluto, rivelerà al settimanale Chi:

“Il GF è una guerra di nervi, dove vince il più furbo. Io avevo 26 maschere da far cadere e ce l’ho fatta. Nomination dopo nomination. Tutto merito dell’arte della guerra scritto da Sun Tzu. Lo ha letto Napoleone e l’ho letto anch’io: lui lo ha usato per le sue strategie militari, io per smontare la tv usa e getta”.

Mauro Marin

Anziché passare le giornate in palestra o dall’estetista come farebbero in molti prima di entrare nella casa, Mauro Marin ha deciso invece di dedicarsi allo studio, non solo di Sun Tzu: “La mia Bibbia è Internet”. Poi continua: “Io rappresento l’uomo qualunque, ecco perché la gente si è identificata in me. Sono quello un po’ sfigato che riesce a sconfiggere i ‘fenomeni’. È semplice smascherare le finzioni. Nella Casa nasce la coppia lesbo Veronica Ciardi e Sarah Nile. Intuisco che al pubblico potrebbe piacere, ma è finta e allora la distruggo. George Leonard si presenta come ‘principe’, ammicca alle telecamere e si muove come un attore. Concorrente pericoloso ma fasullo. Prima mi fingo bisex e lo ridicolizzo, poi lo attacco negli affetti. Lui impazzisce e mostra il suo vero volto”.

Tutto questo per dire cosa. Che il Grande Fratello, spogliato dal Trash, in conformità con lo spirito del tempo,  appare come un luogo di formazione dove si impara la tattica e la strategia, anziché le dottrine politiche e filosofiche. L’ascesa di Rocco Casalino dunque non sarebbe poi così un paradosso, allora è lecito domandarsi con una provocazione: in un Paese in cui non esiste una selezione tecnocratica della classe dirigente come in Francia, in Inghilterra o negli Stati Uniti, il Grande Fratello, può essere considerato una grande scuola elitaria al pari di quelle europee? Del resto per sopravvivere in politica, in Italia, contano la capacità di applicare tecniche simil-militari, così come l’abilità di sapersi muovere tra centrali di potere più o meno istituzionali. Chiedetevi perché tutti i leader politici, indipendentemente dal colore, fanno almeno una volta nella loro carriera, un passaggio da Barbara d’Urso. È il tecno-populismo, e Rocco Casalino, a differenza di tutti gli altri, è stato ed è semplicemente un concorrente dichiarato.


Quando fondammo L’Intellettuale Dissidente, volevamo raccontare quello che nessuno aveva il coraggio di dire, ora vogliamo anche comunicare con il linguaggio del potere. Parlare al potere del potere. Abbiamo già costituito una micro-redazione di 10 persone organizzata in un gruppo Telegram e vorremmo aprirla ad altre 10 persone selezionatissime, capaci di svolgere il seguente lavoro di intelligence politico-editoriale: costruzione di mappature, rassegna stampa quotidiana, individuazione dell’1 per cento delle notizie pertinenti in politica interna e internazionale, collocazione delle notizie dentro a quelle mappature, archiviazione di una parte delle notizie, produzione di contenuti tra l’approfondimento, lo scenario e il retroscena, ed infine anticipazioni di movimenti e macchinazioni dentro e fuori lo Stato profondo. Se leggete L’Intellettuale Dissidente probabilmente già fate parte di un élite culturale, ma se entrerete in questa micro-redazione dove ogni informazione pesa come oro significa che oltre che a capirlo il linguaggio del potere, sapete anche parlarlo. Scrivetemi in privato al seguente indirizzo postale seb.cap92@gmail.com con queste informazioni: 1) CV allegato 2) Un commento all’articolo che trovate sul sito intitolato “Il linguaggio del potere” 3) La vostra rassegna stampa quotidiana nazionale ed internazionale 4) Le vostre letture sul tema del “linguaggio del potere” 5) Un contatto telefonico. Sarà mia cura rispondervi personalmente, ed eventualmente ricontattarvi.

SOSTIENICI !

Tutti i giorni, la nostra sveglia di redazione suona alle 6 del mattino. Dalla primissima alba ascoltiamo la radio, e nel mentre passiamo in rassegna tutte le testate tradizionali e non, nazionali e straniere, dalle riviste ai quotidiani ai siti internet di nicchia. Dopo aver fatto una "cernita", cioè individuato l'1 per cento delle notizie (il restante 99 è letteralmente "cartastraccia") che si pesano come l’oro, che sparigliano, orientano, decidono il corso del dibattito profondo, produciamo un report interno. Successivamente ci riuniamo in presenza o virtualmente per condividere pubblicazioni, visioni, informazioni confidenziali, elaboriamo un timone sui temi da affrontare, per fornirti analisi, scenari, approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo richiede molto tempo, nella ricerca come nello sviluppo. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, siamo qui, pronti ad unire tutti i puntini.
Sostieni

Gruppo MAGOG

Per approfondire

America, Inc.
inEvidenza

America, Inc.

Mario Motta
24 Agosto 2021
Il Salvini che è in noi
inEvidenza

Il Salvini che è in noi

Claudio Chianese
24 Luglio 2020
Scalfari, l’egemone
Ritratti

Scalfari, l’egemone

Luca Giannelli
15 Luglio 2022
Il verbo e il corpo 
Società

Il verbo e il corpo 

Livia Di Vona
21 Marzo 2022
Siamo tutti Machiavelli
inEvidenza

Siamo tutti Machiavelli

Giulio D'Alessandro
23 Luglio 2021