Le chiese sono brutte

Le chiese progettate dalle archistar paiono bestemmie. Da Mario Botta a Fuksas e Renzo Piano: un elenco di orrori
Le chiese progettate dalle archistar paiono bestemmie. Da Mario Botta a Fuksas e Renzo Piano: un elenco di orrori

Le chiese di oggi, soprattutto quelle progettate dalle archistar, sono orrende, bislunghe, quadrate, a punta, a triangolo, a spirale, trapezoidali, o semplicemente della forma del terreno su cui sono erette. Non hanno più la pianta a croce, non hanno più neppure la facciata, l’elemento architettonico che per due millenni, pur nei diversi stili, rendeva riconoscibile l’edificio sacro. Ed i materiali – un tempo pietra, mattoni, marmo – sono oggi all’insegna dell’high tech. Per questo sembrano garage, capannoni industriali, ospedali, discoteche, autosaloni.

La Chiesa del Santo Volto a Torino, disegnata da Mario Botta, per esempio è un edificio a pianta centrale di 12 mila metri quadrati con sette torri perimetrali alte 35 metri; tristemente assomiglia a una centrale atomica con le prese d’aria di un mostruoso aspirapolvere. La chiesa di Richard Maier a Roma sembra invece una piscina, uno di quegli orribili poliplessi natatori che inorgogliscono i capoluoghi di provincia. Si trova nel quartiere popolare Tor Tre Teste ed è dedicata a Dio Padre Misericordioso, misericordia che Dio Padre crediamo deve esercitare al massimo grado davanti al progetto dell’architetto statunitense. Il segno distintivo di Maier si imprime nelle vele che raggiungono i 26 metri di altezza, rigorosamente in cemento mangia smog in ossequio alla cultura ecologistica della postmodernità, e rappresentano appunto le vele – a dire di Maier – della “barca della Chiesa” che ci “condurranno verso un nuovo mondo”. Una ben augurante profezia in stile Orietta Berti per cui “finché la barca va, lasciala andare”.

La chiesa progettata da Massimiliano Fuksas a Foligno; in copertina quella di Mario Botta per Torino

Il cemento è uno dei must dell’architettura moderna applicata alle chiese. Al suo fascino non si è sottratto Massimiliano Fuksas nel progettare la chiesa di san Paolo Apostolo a Foligno, un monolitico cubo in calcestruzzo armato, concepita come una scatola nella scatola di 30 metri di lunghezza e 26 di altezza, di una tracotanza epocale, nonché fuori contesto rispetto al territorio della tipica cittadina umbra dai tetti rossi. Fuksas che immaginiamo se non ateo almeno agnostico, stando alle giovanili esuberanze di matrice comunista, tratteggia con la sua scatola di cemento una teofania negativa, una via negationis proficua per dimostrare l’esistenza di Dio: è certo che Dio non possa abitare un luogo di tanta bruttezza, per cui ragionando a contrario Dio potrebbe esistere in ogni altro dove, per cui il mondo risplenderebbe tutto della presenza divina se si eccettua quel piccolo cubo.

Dalla tentazione di misurarsi con il sacro, non si è salvato neppure il ritroso Renzo Piano che ha progettato il Santuario di San Pio a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. Una struttura iperbolica, quanto i pellegrinaggi che il santo suscita, 6 mila metri quadrati per 7 mila posti, la pianta a spirale di Archimede, la copertura a esoscheletro in rame preossidato, all’interno ventidue enormi archi di pietra che si dipartano da un pilastro centrale, poggiato su un plinto di cemento armato dal diametro di ventisei metri e dalla profondità di sei metri, e che la fanno come il ventre di una primordiale megattera, a completare la facciata in cui due archi si intersecano a formare una “m” in stile McDonald che di notte, illuminata, ricorda un fast food.

Il Santuario di San Pio secondo Renzo Piano

Perché la bruttezza e l’insensatezza dominino l’architettura sacra è difficile da dire. La questione atterrebbe alla filosofia o alla teologia e potrebbe essere risolta indicando la persistenza del demonio nel mondo, la sua prevalenza in questo determinato evo, l’emergere di quella che Sant’Agostino definì “città terrena”, cioè la mitologica Babele dove regna sovrano il caos, e il brutto viene considerato bello. Che ci sia lo zampino del diavolo, il cui massimo inganno è dimostrare che non esiste, lo prova la disarmante ingenuità cui procedono le gerarchie della ecclesia quando concedono il nulla osta all’edificazione di nuovi templi. Edifici oggettivamente brutti, privi di qualsiasi idea di trascendenza, la cui funzione religiosa scompare di fronte alla insensata immanenza del progetto. È il tributo che la Chiesa, dopo il Concilio Vaticano II, paga alla modernità, alla postmodernità, alla contemporaneità, nel tentativo di risultare up to date annuncia con giubilo la propria sottomissione al secolo, anche dal punto di vista estetico.

Angelo Crespi

*L’articolo è pubblicato nell’ultimo numero de “Il Bestiario degli Italiani”

SOSTIENICI !

Tutti i giorni, la nostra sveglia di redazione suona alle 6 del mattino. Dalla primissima alba ascoltiamo la radio, e nel mentre passiamo in rassegna tutte le testate tradizionali e non, nazionali e straniere, dalle riviste ai quotidiani ai siti internet di nicchia. Dopo aver fatto una "cernita", cioè individuato l'1 per cento delle notizie (il restante 99 è letteralmente "cartastraccia") che si pesano come l’oro, che sparigliano, orientano, decidono il corso del dibattito profondo, produciamo un report interno. Successivamente ci riuniamo in presenza o virtualmente per condividere pubblicazioni, visioni, informazioni confidenziali, elaboriamo un timone sui temi da affrontare, per fornirti analisi, scenari, approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo richiede molto tempo, nella ricerca come nello sviluppo. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, siamo qui, pronti ad unire tutti i puntini.
Sostieni

Gruppo MAGOG

Per approfondire

In morte di un teologo
Non categorizzato

In morte di un teologo

Giacomo Alessandrini
14 Aprile 2021
The New Zeitgeist
Geopolitica

The New Zeitgeist

Michele Saracino
02 Febbraio 2022
Todo modo: la diplomazia dei gesuiti ai confini del mondo
Metafisica

Todo modo: la diplomazia dei gesuiti ai confini del mondo

Francesco Laureti
02 Luglio 2022
“La scomunica non deve fare paura”. L’indagine storica di Giordano Bruno Guerri
“Ratzinger e Bergoglio sono accomunati nella visione del mondo più di quanto noi possiamo immaginare”. Parla il prof. Schiavazzi